Morabba ye angir – Conserva di fichi

INGREDIENTI

• 1 kg di fichi maturi ma completamente integri, ben sodi e con il picciolo
• 1 kg di zucchero semolato
• ¼ di bicchiere di acqua di rose
• 2 cucchiai di succo di limone

PREPARAZIONE
Spellate i fichi facendo attenzione a non romperli e lasciando attaccata la base del picciolo. Disponeteli in una casseruola dal fondo spazioso e ricopriteli interamente con lo zucchero. Lasciateli riposare coperti per una notte intera. L’indomani noterete che lo zucchero si è trasformato in un denso sciroppo. Ponete la casseruola sul fuoco bassissimo e fate sobbollire lentamente, eliminando con una schiumarola la schiuma che si formerà sulla superficie. Quando la schiuma comincia a non formarsi più, aggiungete l’acqua di rose e il succo di limone. Dopo altri 10′ togliete dal fuoco e fate raffreddare. Invasate i fichi ricoprendoli del loro sciroppo. Durante la cottura i fichi non devono essere mai girati, poiché devono mantenere sino alla fine la loro integrità. Potrete poi conservarli anche per anni e utilizzarli come dessert veloce disposti su un letto di yogurt denso oppure come marmellata. Diluendo parte del loro sciroppo con acqua fresca e ghiaccio, otterrete una deliziosa e naturale bevanda.
Con lo stesso procedimento è possibile preparare ottime conserve di viscide, ciliegie, fragole, sostituendo all’acqua di rose una mezza stecca di vaniglia. Sono ottime con il gelato e il loro sciroppo allungato con acqua e ghiaccio diventa una rinfrescante bevanda estiva.

Condividere

Morabba ye angir – Conserva di fichi