Abu Reyhan Biruni (973-1048)

Abu Reyhan Biruni

Abu Reyhan Mohammad Ben Ahmad Biruni, letterato e matematico iraniano di rilievo, astronomo, cronografo, antropologo, indologo, storico, cronologista e naturalista, nacque il 5 Settembre 973 nella periferia di Khwarezm (Corasmia in Asia centrale, odierno Uzbekistan) e per questo motivo è diventato famoso come Biruni, cioè “fuori Khwarezm”.

Egli è autore di numerose opere di cui una parte, più di 146 gli sono state attribuite. Le sue opere più importanti sono: “Ketāb al-Tafhim dar ryāzyāt va nojum”(sia in arabo che in persiano, trattato sulla matematica e l’astronomia), “Kitāb al-athār al-bāqiyah” (“Cronologia delle antiche nazioni”,studio comparativo sui calendari di culture e civiltà diverse come quella iraniana, greca, ebrea, cristiana, araba pre-islamica e araba musulmana), “Qānun-e Mas’udi” (Il Canone Mas’ud, sorta di enciclopedia sull’atronomia islamica e “Kitāb al tahqiq ma li-l-hind” (un compendio di indologia), “Kitāb al-saydana fi al tibb,”sulle sostanze chimiche e particolari e sul loro metodo di preparazione, “Kitāb al jamāhir fi marifat al-jawāhir” sulla presentazione delle sostanze minerali e in particolare sui gioielli.

Biruni padroneggiava anche diverse lingue come: il corasmo, il persiano, l’arabo e il sanscrito e conosceva il greco antico, l’ebraico della Torah e il siriaco e curò la traduzione di numerosi libri dall’hindi all’arabo tra cui: “Siddhāntā, “Al mavālid al-saghir”(nome di un famoso astrologo iraniano del mondo islamico).

Egli ha anche tradotto racconti dal persiano all’arabo. Tra questi si può accennare ai seguenti: “Shādbahr”, “Ein al hayāt”, Racconto di “Urmazdyār e Mahryār e anche la storia “Sorkhbat e Jangbat”. Abu Reyhan Biruni è autore di numerose invenzioni, scoperte e ricerche tra cui: una bilancia per misurare il peso specifico dei solidi e anche la definizione della quantità di oro e argento nelle sostanze composte, il pozzo artesiano, la caratteristica fisica del diamante e dello smeraldo, la possibilità del vuoto, la creazione della sfera geografica e così via. Biruni era contemporaneo di Abu Ali Sinā e insieme discutevano e si scambiavano opinioni.
Luoghi, piazze, istituzioni, associazioni, università, statue in Iran e nel mondo portano il suo nome. Nel gennaio 2009 nel cortile dell’ufficio delle Nazioni Unite a Vienna è stato collocato una sorta di padiglione a forma di quattro archi che è una combinazione di stili architettonici, in cui sono visibili decorazioni achemenidi e islamiche e al suo interno vi sono le statue di quattro filosofi iraniani, Khayyām, Abu Reyhān Biruni, Zakariyā Rāzi e Abu Ali Sinā.
Egli si spense il 13 Settembre 1048 a Ghazna, in Afghanistan.
 

VEDI ANCHE

 

Celebri

Condividere
Uncategorized