Rassegna cinematografica dei giovani documentaristi iraniani sulla guerra Iran- Iraq (1980 – 1988)

Orizzonti dell’Iran; Rassegna cinematografica dei documentaristi

Torna la rassegna cinematografica Orizzonti dall’Iran, dedicata alle produzioni di giovani documentaristi iraniani emergenti e non.

Tema della seconda edizione è “Operazione Peace Dreaming”, uno sguardo sulla guerra Iran-Iraq, ferita ancora aperta della nostra storia recente.

Spesso si parla della guerra con una facilità disarmante, ma è possibile che da questo fiume di parole possano nascere delle idee, degli spunti, delle immagini che ci aiutino a trovare la chiave per una pace duratura?

Da questa semplice, forse ingenua, ma essenziale domanda, nasce il percorso della rassegna Orizzonti dall’Iran, attraverso l’opera di alcuni dei più interessanti tra i giovani documentaristi iraniani. Si può notare come gran parte degli autori, al racconto immediato del conflitto, preferiscano la via indiretta di trattare la guerra attraverso la narrazione della pace che la segue. L’orrore non si esaurisce con la fine delle ostilità, ma rimane per sempre impresso nella carne e nell’anima delle persone e dei luoghi che lo hanno subito.

Allo stesso modo la visione di questi racconti di guerra consente di riflettere concretamente sulla pace, legando i nostri pensieri alle immagini vive e vere che abbiamo appena veduto. Gli autori delle opere presentate in rassegna, in quest’ottica, sono dei veri e propri attivisti per la pace, che condividono l’obiettivo di testimoniare la tragedia della guerra per mostrarla al mondo in tutta la sua brutalità, attraverso il loro sguardo artistico e umano.

Ad aprire la rassegna è l’omaggio a Amir Naderi, uno dei più grandi registi iraniani, con una pellicola quasi introvabile: La Ricerca 2 (1982), per poi proseguire con altre dieci opere di giovani documentaristi iraniani che hanno cercato di mostrare il vero volto della guerra anche dopo anni dalla sua fine.

Dal 23/09/2019 al 26/09/2019.

Programma della rassegna:

Lunedì 23 settembre 2019 | Inaugurazione ore 18.00

“Raffaello” (2015) di Bahman Kiarostami

durata: 20 minuti

“La Ricerca 2” (1982) di Amir Naderi

durata: 55 minuti

“You went missing” (2011) di Mehdi Bagheri

durata: 26 minuti

“L’arca di Noe” (2002) di Soudabeh Babagap

durata: 25 minuti

Mercoledì 25 settembre 2019 | ore 18.00

“Fabbrica dei Martiri” (2008) di Camilla Cuomo

durata: 55 minuti

Interverranno Camilla Cuomo e Babak Karimi

“Il Ritorno” (1989) di Mohammad Tahami Nejad

durata: 45 minuti

“Doomsday Machine” (2009) di Soudabeh Moradian

durata: 53 minuti

Giovedì 26 settembre 2019 a partire dalle ore 18

Entr’acte” (2016) di Mohammad Reza Kheradmandan

durata: 7 minuti

A Down with the Smell of lemon” (2014) di Azadeh Bizargiti

durata: 48 minuti

 “Zemanco” (2015) di Mehdi Ghorban Pour

durata:  62 minuti

UNDO” (2016) di Majed Neisi

durata: 39 minuti


Condividere
  • 38
    Shares