Palengan

Palengan

Palengan è un villaggio del distretto rurale di Zhāvehrud, nell’area di Kāmyārān situato all’inzio della zona di Orāmānāt (regione Kurdistān). Esso, nel corso della sua storia, è stato più volte distrutto e nuovamente ricostruito ma attualmente, nonostante sia trascorso qualche secolo, è ancora in piedi e ospita turisti stranieri e locali che per ammirare la sua bellezza si recano in questa regione.

Considerando i resti delle moschee, delle case antiche e dei bei giardini di questo villaggio, pare che le sue fondamenta risalgano al periodo samanide. Inoltre Pālengān ha un cimitero molto antico in cui ci sono alcune lapidi con calligrafia cufica (relative al settimo o ottavo secolo dell’Egira).

Alla distanza di 800 metri a sud- est di questo villaggio in un canyon molto stretto ci sono le rovine di una fortezza molto antica in cui si possono osservare stanze, focolari e antichi ponti. Il villaggio che vediamo oggi dista uno o due km dall’antica Pālengān ed ha circa 500 anni.

Esso è tra i villaggi con una conformazione terrazzata, ovvero il tetto della casa inferiore costituisce il cortile di quella siperiore e oltre all’architettura interessante ed unica, nei dintorni è presente una natura rigogliosa con varie sorgenti e cascate.

I materiali della maggior parte delle case di questo villaggio sono locali; ovvero sono costituiti da pietra, paglia e fango e i muri di alcune di esse sono stati costruiti a secco. Questo villaggio è diviso in due da un fiume che vi scorre al centro.

Oltre ai prodotti agricoli, i latticini e il miele e l’allevamento ittico, la fonte di guadagno degli abitanti locali è costituita dalla fabbricazione di giveh, tipiche babbucce di cotone colorato, dalla tessitura di tappetini, e dalla cucitura di stoffe di lana di pecora.

La mite primavera di questa zona attira qui i nomadi che sono i protagonisti di riti tradizionali interessanti che tra i turisti godono di grande popolarità. Sull’attribuzione del nome Pālengān a questo villaggio esistono svariate teorie come: la presenza di un leopardo nel villaggio e nelle montagne circostanti, la presenza di un centro di potere forte in questo villaggio, “Pāl” che in dialetto curdo e locale significa appoggiarsi ecc..

Condividere