Rudaki (858-941)

Rudaki

Abu Abdallah Ja’far Ben Mohammad noto come Rudaki, è il primo grande poeta di lingua persiana e padre della poesia persiana. Egli venne alla luce nell’anno 858 a Rudak di Samarcanda e all’età di otto anni imparò il Corano e lo memorizzò e da quel momento si dedicò alla poesia.
Rudaki, annoverato tra i grandi e famosi poeti e oratori, era cieco ma nonostante ciò aveva uno spirito nobile, un pensiero elevato e un grandissimo talento. Egli suonava bene anche l’arpa, era dotato di una voce calda, recitava fluentemente qaside, ghazal e masnavi e componeva encomi nello stile del Khorasan.
Rudaki, nonostante preceda i grandi poeti dell’Iran, viene considerato anche tra i più accreditati. La grande produzione delle sue poesie oscilla tra i 100 mila e un milione di versi; ciò che è giunto fino a noi non supera i 1000 versi ed è una raccolta che contiene qaside, masnavi, qet’e e robay (quartine). Tra le altre opere in versi c’è “Kelile va demne” che aveva tradotto dall’arabo in persiano e che Rudaki aveva reso in versi persiani e che rimane il suo contributo più importante.
Purtroppo questa opera preziosa, come le altre e come i suoi masnavi è andata persa e di essa non ci restano che frammenti. Nella sua poesia sono racchiuse, oltre al potere dell’immaginazione, la potenza dell’espressione, la solidità e la coerenza del discorso e per questo motivo alla corte dei Samanidi egli godeva di grande stima e di una certa posizione tanto che i poeti dopo di lui aspirarono sempre ad avere una vita simile alla sua.
Rudaki come padre della poesia classica persiana, occupa un posto di grande rilievo nel mondo e vengono sempre organizzate svariate manifestazioni per commemorare questo poeta di lingua persiana. Statue che lo ritraggono sono collocate nelle piazze delle città dei paesi di lingua persiana e anche ad uno dei crateri meteoritici (astroblema) è stato dato il suo nome.
Rudaki si spense nell’anno 941 a 69 anni. Il suo mausoleo è situato in Tajikistan e di esso alcune parti state restaurate da piastrellisti iraniani. Dal 2002 ogni anno il giorno 22 Settembre, giorno dedicato a Rudaki, si svolge una cerimonia di commemorazione presso il suo mausoleo.
 

VEDI ANCHE

 

Celebri

Condividere
  • 1
    Share
Uncategorized