Villaggio di Varkaneh

Il villaggio Varkaneh si trova nei pressi della città di Hamadan (regione omonima), alle pendici della montagna e tra cave di pietra. L’aspetto e il contesto storico in pietra di questo villaggio di 400 anni è unico.

Le case e gli ambienti del villaggio sono fatti di pietra, di pietra levigata e battuta a martello, di pietre quadrate o rettangolari, adobe, mattoni e vari materiali utilizzati comunemente nell’edilizia come la malta di fango e le travi di legno. Nella costruzione delle fondamenta delle case, nelle spesse mura e anche nei cortili è stata utilizzata la pietra.

Le antiche case di Varkaneh hanno mura solide per mantenere il calore. I tetti sono piatti e ricoperti da travi in legno e intonaco di paglia e argilla o bitume e iuta.

Le case sono state costruite in direzione sud, con finestre lignee piccole e reticolate per sfruttare al meglio la luce e il calore del sole. Anche i vicoli del villaggio sono in pietra e dotati di marciapiede.

Oltre all’ insolita architettura, all’incantevole natura e all’osservazione della migrazione dei popoli nomadi, tra le altre attrattive turistiche di questo villaggio si può accennare alla fortezza Arbabi Mehri Khanom, alle stalle di allevamento di cavalli, alla moschea e al mausoleo dell’Imamzadeh Gheyb, all’umile cimitero e privo di lapidi.

Questo villaggio è il luogo di nascita del Professore Toufigh Musivand, creatore del primo cuore artificiale del mondo nato nel 1940.

Condividere
Uncategorized