Mahmoud Farshchiān (1930)

Mahmoud Farshchian

Il maestro Mahmoud Farshchian, nato il 24 Gennaio del 1930 a Esfahān, è un pittore iraniano contemporaneo con uno stile e un’ ideologia particolare che ha avuto una grande influenza nella corrente della pittura iraniana(miniature) e nelle altre arti tradizionali.
Tenendo conto dell’autenticità delle basi tradizionali di questa arte(miniature), con l’introduzione di metodi nuovi, egli ha incrementato le capacità espressive della pittura iraniana. Egli ha compiuto gli studi in Iran e in Europa e nella sua carriera troviamo l’incarico di professore della Facoltà di Belle Arti dell’Università di Tehrān, di fondatore del centro religioso e culturale nel New Jersey in America, e di autore di articoli scientifici, trattati di ricerca e conferenze sull’arte iraniana.
Le sue opere sono una combinazione piacevole tra autenticità e innovazione e frutto dell’influenza della poesia classica, della letteratura persiana, del Corano, dei libri sacri dei cristiani, degli ebrei e anche della sua profonda immaginazione.
Esse sono state esposte in più di cento mostre individuali e collettive in Iran e in altre città del mondo come: Parigi, New York, Chicago e così via. Umberto Baldini, professore ormai scomparso di storia dell’arte e direttore dell’Università internazionale di arte di Firenze in Italia, era convinto che per una ricezione interiore dell’opera di Farshchian, occorre una visione profonda e una pazienza a lungo termine.
Egli nell’ambito della pittura iraniana è considerato un punto di riferimento e un fenomeno prodigioso. Numerosi lavori, tra cui lo Zarih (recinzione a forma di cassetta provvista di grata che è posta sulla sommità del sepolcro) sacro e luminoso di Aboabdallah (Imām Hossein) (A) e dell’ottavo Imām Rezā (A) sono stati eseguiti dalla mano eterna del maestro Farshchian.
Pitture e disegni molto raffinati e preziosi sono stati pubblicati in Iran e nel mondo come: l’illustrazione dello Shāhnāme di Ferdousi, i grandi pahlevān sempre nello Shāhnāme, opere religiose ecc.. Anche le lettere e gli appunti annotati a mano, hanno le caratteristiche delle sue miniature.
Il museo a lui dedicato, situato nel complesso culturale-storico di Sa’d ābād (Tehran), espone più di settanta opere del maestro per gli appassionati iraniani e internazionali. Egli ha ottenuto numerosi premi e ricononoscimenti di merito, tra questi si possono elencare i seguenti:
-Riconoscimento di merito come pioniere nell’ambito della cultura e dell’arte
-Medaglia d’oro al festival internazionale dell’arte, America
-Riconoscimento primo livello nell’arte
-Oscar d’Italia, statuetta d’oro
-Riconoscimento dell’arte Palma d’oro, Italia
-Statuetta d’oro europea dell’arte, Italia
-Diploma accademico europeo, Accademia Europea, Italia
-Diploma di merito dell’Università dell’arte, Italia
-Medaglia d’oro Accademia delle Arti e del Lavoro, Italia
-Primo premio, Ministero della cultura e dell’arte, Iran
-Medaglia d’oro, festival internazionale dell’arte, Belgio
-Medaglia d’oro, arte militare, Iran
 

VEDI ANCHE

 

Condividere
Uncategorized