Ashrafi duzi

Ashrafi duzi (Sekkeh duzi)

Una delle arti manuali decorative tipiche dell’Iran risponde al nome di Sekkeh duzi.

Il Sekkeh duzi è un ricamo che rappresenta una professione sia per la po-polazione che abita nelle zone del Kordestān e del Baluchestān che per i no-madi stanziati nella Provincia di Chahār Mahāl o Bakhtiyāri. Quest’arte, no-nostante scarseggi di disegni o di immagini particolari, rientra nella categoria dei ricami per via della cucitura delle monete sul tessuto. Sotto il nome di Sekkeh duzi rientrano le cuciture (su tessuti o su vestiti) di vari tipi di moneta, di bottoni bianchi o colorati, di conchiglie, di kharmohreh, di piccoli o grossi frammenti di specchi, di scaglie, ecc. Le monetine di metallo (che in passato erano i dieci shāhi o i due, i cinque e i dieci riyāl) venivano attaccate, mediante saldatura, a dei sottili ed eleganti gan-cetti e poi cuciti ai vestiti locali. Considerando la quantità di pieghe di un ve-stito femminile tradizionale, solitamente ogni vestito veniva cucito con due-cento monete dello stesso peso. Ciò conferiva al vestito un’apparenza parti-colare. Questo tipo di decorazioni venivano utilizzate perlopiù nel corso delle feste. Oggigiorno, il Sekkeh duzi è stato rimpiazzato dall’utilizzo di leggere monete false e di variopinte pietre semi-preziose. Attualmente, il Sekkeh duzi viene impiegato per la produzione di rutakhti (co-perture per i letti), di ornamenti per le pareti delle stanze, di alcune parti di vestiti, di borse, ecc. In quest’arte (specialmente per quanto riguarda le decorazioni murali) vengo-no in genere utilizzati dei tessuti dalla forma geometrica particolare (ad esem-pio, triangoli o rombi tagliati). Dopo la lavorazione del Sekkeh duzi, questi vengono uniti gli uni agli altri raggiungendo dimensioni superiori.