Antipasti Iraniani 

Antipasti La proverbiale ospitalità iraniana si traduce anche nella grande varietà di antipasti che generalmente aprono il pasto vero e proprio e anticipano le portate principali. Parenti stretti del mezze turco, delle mezedes greche e delle tapas spagnole, nelle case tradizionali essi vengono ben disposti su piccoli piatti indifferentemente sulla tavola principale o su un tavolino laterale dove rimarranno per tutta la durata del pasto e da cui gli ospiti si potranno liberamente servire senza un ordine prestabilito. Un assortimento in dosi minori può costituire un ricco aperitivo o può essere proposto a buffet, in occasione di cene fredde in piedi; singolarmente possono costituire una prima portata. Si servono con pane arabo fresco e con un mazzetto di erbe aromatiche fresche e ben lavate, il cosiddetto sabzi khordan; esso è l’antipasto iraniano senz’altro più tipico e tradizionale, ovvero pane tipo lavash (nei nostri supermercati si trova in una variante denominata pane Kebab o Kabab), formaggio fresco tipo feta greca (secondo il gusto personale può essere ottimamente sostituito da caprino fresco, Philadelphia o simili) e come detto un insieme di erbe aromatiche e verdure fresche secondo l’offerta della stagione (impossibile trovare fresche alcune delle erbe aromatiche comunemente consumate in Iran, ma una valida alternativa può essere costituita da un misto di ravanelli croccanti, cipollotti freschi, prezzemolo e/o coriandolo fresco in foglia, anche noto come cilantro, menta o mentuccia, basilico, rucola). Il sabzi khordan può rimanere sulla tavola per tutta la durata del pasto e i commensali se ne serviranno a piacere anche durante le portate successive. A questa base possono essere aggiunti sottaceti, insalate fresche a partire dalla più semplice combinazione di lattuga, pomodori e cetrioli a composizioni più varie, a base di yogurt, legumi o verdure cucinate e servite fredde. Vegetali ripieni, involtini di foglie di vite e i vari tipi di frittate trovano qui la loro più giusta collocazione, serviti freddi come antipasti o caldi come prima portata o piatti unici. Anche le zuppe possono precedere le portate principali o costituire – le più ricche e sostanziose addirittura un piatto unico. Gli iraniani difficilmente servono le verdure cucinate come accompagnamento ai loro piatti; le principali ricette contengono infatti già vegetali cotti insieme alla carne o al riso. Nel caso si volesse offrire una più ampia varietà di antipasti, sarà opportuno dimezzare le dosi qui fomite e, disponendo in tavola gli i antipasti, alternare forme e colori in modo da ottenere un effetto cromatico e visivo piacevole, che non mancherà di colpire positivamente i vostri ospiti, siano essi italiani o iraniani.Scegli file Scegli file
Condividere
Uncategorized