Strumenti di pace
strumenti musicali dell’Iran
Titolo originale: آلات موسیقی صلح: آلات موسیقی ایرانی
Autore: Antonio Bianchin
Prefazione: R. Toscano, Majid Sarsanghi, Alireza Esmaeili, Antonio Latanza
Lingua originale: Italiano
Traduttore:
Editore: Palombi Editori
Anno di pubblicazione: 2008
Numero della pagine: 108
ISBN: 978-88-6060-134-6

Riassunto
Il libro offre agli appassionati di cultura iraniana una raccolta di strumenti musicali, illustrando una collezione di pezzi unici, a testimonianza del particolare e sempre vivo interesse dei popoli dell’Iran per la musica. Quest’arte ha nel paese radici molto profonde, possiede una storia millenaria: lo testimoniano le numerose iscrizioni rupestri e le rappresentazioni che l’antichità ci ha lasciato, raffiguranti l’immagine classica dell’arte figurativa iraniana, quella del musicista, uomo o donna indifferentemente, magnificamente abbigliato di seta e broccati, accovacciato in un giardino fiorito o su uno splendido tappeto, con in mano uno strumento musicale. L’Iran, situato esattamente nel punto geografico d’unione tra Europa, Africa ed Asia, possiede un territorio vastissimo occupato da numerose comunità dotate della propria identità culturale; dopo l’adesione degli Iraniani all’Islam, la cultura islamica e la musica in particolare, hanno avuto un ruolo decisivo, sociale e artistico allo stesso tempo, contribuendo all’unità spirituale di quelle differenti etnie

Condividere