09-Golestan

Regione Golestan

Capoluogo:
Gorgan
Superficie:
20 893 km²
Abitanti:
1 593 055 (2006)
previous arrow
next arrow
Slider

Contesto geografico

La regione di Golestan si trova nei territori settentrionali dell’Iran. Questa regione ha un posto speciale nel contesto culturale e turistico del paese, dato che si avvale di un’età di settemila anni e della presenza di oltre un migliaio di preziose opere storiche e culturali, e per il fatto che è dotata di mirabili paesaggi e di scenari naturali che comprendono montagne, boschi, pianure, vallate, deserti, laghi, golfi, isole, cascate, stagni e villaggi estivi. Il capoluogo della regione è la città di Gorgan e gli altri principali centri urbani sono: Gonbad-e Kavus, Ali Abad, Azad Shahr, Minudasht, Bandar-e Gaz e Bandar-e Torkeman.

Clima

Per il motivo delle condizioni climatiche, la regione di Golestan è una delle più fertili zone del paese, ed anche tra quelle più dotate di località naturalistiche. Questa regione nella maggior parte dei suoi territori ha un clima temperato e di tipo mediterraneo.

Tuttavia, nelle zone pianeggianti e nei bassipiani dei dintorni della città di Gorgan si rivela un clima caldo e semidesertico, a causa della vicinanza con il deserto del Torkamanestan, della distanza dal mare e della minore altitudine.

Storia e cultura

Fino al VII secolo dell’egira, la regione di Golestan era conosciuta con i nomi di ‘Paese di Gorgan’ e – più tardi fino agli inizi del X secolo dell’egira – di ‘Astar Abad’, ma nella maggior parte dei testi del primo periodo islamico viene menzionata con il nome di ‘Jorjan’.

Dai risultati delle ricerche condotte in questa regione emerge che il suo retroterra storico sia da collocare in un’epoca intorno al VII millennio a. C. e dai reperti della località di ‘Ghar-e Key Aram’, situato nel villaggio di Farang nella parte Galiki della regione di Golestan, risulta che sia stata sede di primi insediamenti umani dell’era mesolitica e neolitica. Allo stesso modo, gli scavi di ‘Turang Tepe’, nei pressi della città di Gorgan, mostrano che l’età di questo sito risalga almeno a quella di Shahr-e Sukhte nella regione di Sistan e Balucestan.

Dall’epoca achemenide in poi, la regione di Golestan, diventando una satrapia, ebbe un’amministrazione più definita, in quel periodo veniva chiamata ‘Ircania’ ed era uno dei più famosi paesi dell’antica Persia. Nelle iscrizioni rupestri degli Achemenidi, tra cui in quella di Dario a Bisotun, questo territorio era chiamato anche ‘Vargane’, mentre nei testi in lingua pahlavi veniva menzionato con il termine ‘Gorkan’.

La dinastia degli Ziyaridi è fra quelle che seppero costituire un governo forte in questa regione. Il più celebre esponente di tale dinastia fu Qabus ebn-e Vashgir. Egli aveva un profondo interesse per la scienza e la sapienza, quindi, fece in modo che il paese di ‘Jorjan’ diventasse un luogo sicuro per poter attirare pensatori e scienziati del calibro di Abu Ali ebn-e Sina (Avicenna) e Abu Reihan al-Biruni. In quel periodo furono mossi enormi passi in avanti nella direzione del progresso scientifico e culturale di questa regione – la costruzione della ‘Torre di Qabus’ e la redazione del prezioso libro ‘Qabus Name’, che contiene saggi consigli, sono due esempi di tale progresso.

Le immagini di questa sezione sono nella fase d'aggiornamento e verranno pubblicate al piu' presto.

Tra le altre località turistiche e centri di interesse storico di questa regione sono da visitare: la Città antica di Tamishe, il Castello di Gabri, la Collina di Hezar Pich, il Palazzo di Agha Mohammad Khan-e Qajar, il Parco Nazionale di Golestan, la Cascata di Luve, la Cascata di Kabud Val, la Riserva Naturale del Bosco di Daland e la Cascata di Shir Abad.

Suovenir e artigianato

L’esistenza di numerose etnie e popolazioni nomadi – tra cui Persiani, Turchi, Turcomanni, Cosacchi, Beluci, Sistani, Khorasani, Shahrudi, Qizilbash e Curdi – e la presenza di artisti e artigiani capaci e dotati di gusto hanno fatto in modo che la conservazione, il rinnovamento e la produzione dei numerosi generi di arte tradizionale perdurasse nelle diverse zone della regione di Golestan. I principali manufatti dell’artigianato e i souvenir caratteristici di questa regione sono: jajim, tappeti e cuscini tradizionali turcomanni, cappelli e tessuti di feltro, qarchin, kilim, tessuti ricamati, tessuti di seta, monili e gioielli di tradizione turcomanna, strumenti musicali tradizionali, scialli e foulard di tradizione turcomanna.

Cucina  Locale

La presenza di numerose etnie nella regione di Golestan ha fatto in modo che questa zona sia dotata di una peculiare varietà culinaria. Tra le pietanze caratteristiche di questa regione si possono citare le seguenti: vari tipi di minestre (Hali Ash, Goje Ash, Mash Ash), vari tipi di Kabab, frittata tradizionale di verdure (Kuku Sabzi), Gosht-e Torsh, cotolette, Shami, Morgh-e Torsh, Tah Baryan, vari tipi di pesce, riso con pollo e melanzane, Khurak-e Gusht, Esfenaj Polo, Albalu Polo, Chelo Khoresh-e Kadu, Khoresh-e Anar, riso e pollo, riso con carne e verdure, riso con lenticchie e pollo, Kachi, Mast-e Merghane (un tipo di antipasto), vari tipi di pane locale e di dolci tradizionali come Saq-e Arus, Shirini Asali, Shirini Gerduyi, Shirini Gerduyi Rusi, Halva-ye Zanjebili, Halva-ye Gerduyi, Pishme e Paderazi.